Successo della Inseminazione Intrauterina in relazione agli indici di riserva ovarica

Alcuni studi hanno preso in esame le probabilità di successo della inseminazione intra uterina in relazione all'età della donna. In   uno   studio   pubblicato   da   Harris   e   collaboratori   nel   2010   (1)   sono   stati   presi   in   esame   262   cicli   di   inseminazione   intra-   uterina   su   130   donne   di   cui 57   di   età   compresa   tra   i   38   ed   i   39   anni   e   73   di   età   superiore   ai   40   anni.   Le   percentuali   di   gravidanza   a   termine   per   ciclo   sono   risultate   pari   al   6,1% nelle pazienti di età compresa tre i 38 e i 39 anni e pari al 2 % nelle pazienti di età uguale o superiore ai 40 anni. Inoltre   un   dato   interessante   rilevato   dall'autore   concerne   il   fatto   che   nelle   donne   di   età   compresa   tra   i   38   ed   i   39   anni   le   gravidanze   ottenute   hanno avuto   luogo   entro   i   primi   due   tentativi,   mentre   nella   pazienti   di   età   uguale   o   superiore   ai   40   anni   le   uniche   gravidanze   si   sono   avute   al   primo tentativo. Sulla   base   di   ciò   sembrerebbe   quindi   inutile   eseguire   più   di   due   cicli   di   inseminazione   intra-uterina   e   più   di   un   ciclo   rispettivamente   nelle   donne   di età compresa tra i 38 ed i 39 anni e di età uguale o superiore ai 40 anni. Andando   infine   ad   esaminare   i   risultati   ottenuti   nel   loro   complesso   in   relazione   alla   diagnosi   di   infertilità   possiamo   osservare   come   in   questo gruppo   di   pazienti   (quindi   complessivamente   nelle   donne   di   età   uguale   o   superiore   ai   38   anni),   la   percentuale   di   gravidanze   a   termine   passava   da un   circa   16%   nella   pazienti   con   diagnosi   di   infertilità   inspiegata   o   tubarica   ad   un   circa   4%   nelle   donne   in   cui   era   stato   diagnosticato   un   quadro   di infertilità correlato ad una riduzione della riserva ovarica. Se   andiamo   però   ad   analizzare   i   risultati   della   inseminazione   intrauterina   in   rapporto   ai   markers   di   riserva   ovarica   un   recente   studio   di   Lamazou   et al   (2)   non   ha   evidenziato   differenze   significative   tra   i   tassi   di   gravidanza   fra   le   pazienti   con   valori   di   ormone   anti-mulleriano   ridotti   e   pazienti   con valori   più   elevati.   In   particolare   gli   autori   riportano   un   tasso   di   gravidanza   evolutiva   per   ciclo   pari   al   15,5%   nelle   pazienti   con   valori   di   AMH   inferiore a   1   ng/ml,   al   15,2%   nelle   pazienti   con   valori   tra   1   e   4,5   ng/ml   e   al   13,6%   nelle   pazienti   con   valori   di   AMH   superiori   a   4,5   ng/ml   su   una   popolazione   di 316   pazienti   di   età   inferiore   ai   39   anni   sottoposte   al   loro   primo   ciclo   di   inseminazione   intrauterina.      Questi   dati   sembrerebbero   quindi   indicare   un ruolo   negativo   più   del   fattore   età   che   non   della   riduzione   della   riserva   ovarica   di   per   se,   quantomeno   se   valutata   in   rapporto   ai   valori   di   ormone anti-mulleriano   cosa   che   potrebbe   forse   spiegarsi   in   una   possibile   riduzione   più   che   altro   qualitativa   piuttosto   che   quantitativa   degli   ovociti disponibili. Riferimenti bibliografici 1)   Harris   ID,   Missmer   SA,   Hornstein   MD.   Poor   success   of   gonadotropin-induced   controlled   ovarian   hyperstimulation   and   intrauterine   insemination   for   older   women.      Fertil   Steril,   2010 Jun;94(1):144-8. Epub 2009 Apr 25 2)   Lamazou   F,   Fuchs   F,   Genro   V,   Malagrida   L,   Torre   A,   Albert   M,   Wainer   R.   Intra-uterine   insemination   outcomes   according   to   the   serum   AMH   level   on   day   3.J   Gynecol   Obstet   Biol   Reprod   (Paris). 2012 Apr;41(2):122-7 Epub 2011 Sep 29