Come si valuta la  Riserva Ovarica
Come si valuta  la Riserva Ovarica
L’ormone   follicolo-stimolante   (FSH)   è   prodotto   dalla   ghiandola   ipofisi   che   si   trova nel cranio. Esso   è   normalmente   implicato   nella   regolazione   del   ciclo   mestruale   in   quanto, come   dice   il   nome   stesso,   stimola   l’ovaio   a   produrre   il   follicolo.   La   secrezione   di questo    ormone    è    regolata    a    livello    della    ghiandola    ipofisi    da    una    serie    di messaggi   tra   cui   quelli   veicolati   da   alcune   sostanze   prodotte   dagli   stessi   follicoli ovarici   quali   l’estradiolo   e   l’inibina-b   le   quali   agiscono   entrambe   con   un   effetto inibitorio    sulla    produzione    di    FSH,    per    cui    quanto    maggiori    sono    i    livelli    di estradiolo e di inibina-b tanto più la produzione di FSH viene inibita. Nelle   condizioni   di   ridotta   riserva   ovarica   il   messaggio   globale   che   giunge   a livello   dell’ipofisi   è   tale   da   indurre   la   stessa   a   cercare   di   compensare   in   qualche modo   la   ridotta   produzione   follicolare   con   un   incremento   complessivo   di   livelli circolanti di FSH. Ai   fini   clinici   ciò   che   si   prende   in   considerazione   sono   essenzialmente   i   livelli basali   dell’ormone,   ossia   quelli   dosabili   nei   primissimi   giorni   del   ciclo   (in   genere la valutazione viene eseguita al secondo, massimo terzo giorno del ciclo). Numerosi   studi   hanno   cercato   di   definire   i   valori   soglia   per   l’interpretazione   di   tale   test.   Nel   complesso   la   maggior   parte degli   studi   concordano   nell’indicare   10   IU/L   la   soglia   oltre   la   quale   si   evidenzia   una   chiara   riduzione   della   riserva ovarica anche se, secondo alcuni, già valori al di sopra di 8 IU/L sono indicativi di una ridotta fecondità (1). Una   delle   principali   limitazioni   nell’impiego   routinario   del   dosaggio   di   FSH   basale   ai   fini   della   valutazione   della   riserva ovarica   è   però   costituita   dalla   sua   estrema   variabilità      spesso   tra   un   ciclo   e   l’altro   in   quanto   la   secrezione   di   tale   ormone da   parte   dell’ipofisi   può   essere   influenzata   da   vari   aspetti.   Sulla   base   di   tali   considerazioni   attualmente   tale   dosaggio, seppur   sempre   largamente   usato,   viene   quindi   sempre   più   considerato   di   utilità   limitata   quale   test   di   screening   per   la valutazione   della   riserva   ovarica   (2,   3,   4)   e   comunque   necessita   di   una   attenta   interpretazione   clinica   in   relazione   anche   al contesto della situazione. Riferimenti bibliografici: 1)         Jan   W.   van   der   Steeg,   Pieternel   Steures,   Marinus   J.   C.   Eijkemans,   J.   Dik   F.   Habbema,   Peter   G.   A.   Hompes,   Frank   J.   Broekmans,   Peter   X.   J.   M.   Bouckaert,   Patrick   M.   M.   Bossuyt, Fulco   van   der   Veen,   and   Ben   W.   J.   Mol,   on   behalf   of   the   Collaborative   Effort   for   Clinical   Evaluation   in   Reproductive   Medicine   (CECERM)   Study   Group*   Predictive   Value   and   Clinical Impact of Basal Follicle-Stimulating Hormone in Subfertile, Ovulatory Women (J Clin Endocrinol Metab 92: 2163–2168, 2007) 2) Broekmans FJ, Kwee J, Hendriks DJ, Mol BW, Lambalk CB. A systematic review of tests predicting ovarian reserve and IVF outcome. Hum Reprod Update 2006;12:685-718. 3)   Bancsi   LF,   Broekmans   FJ,   Mol   BW,   Habbema   JD,   te   Velde   ER.   Performance   of   basal   follicle-stimulating   hormone   in   the   prediction   of   poor   ovarian   response   and   failure   to become  pregnant after in vitro fertilization: a meta-analysis. Fertil Steril 2003;79:1091-100. 4)   Jain   T,   Soules   MR,   Collins   JA.   Comparison   of   basal   follicle-stimulating   hormone   versus   the   clomiphene   citrate   challenge   test   for   ovarian   reserve   screening.   Fertil   Steril 2004;82:180-5

Il dosaggio dei livelli basali di FSH

AMH
© Fecondazioneassistita.it 2018
L’ormone    follicolo-stimolante    (FSH)    è    prodotto dalla ghiandola ipofisi che si trova nel cranio. Esso   è   normalmente   implicato   nella   regolazione del   ciclo   mestruale   in   quanto,   come   dice   il   nome stesso,   stimola   l’ovaio   a   produrre   il   follicolo.   La secrezione   di   questo   ormone   è   regolata   a   livello della   ghiandola   ipofisi   da   una   serie   di   messaggi tra     cui     quelli     veicolati     da     alcune     sostanze prodotte      dagli      stessi      follicoli      ovarici      quali l’estradiolo      e      l’inibina-b      le      quali      agiscono entrambe      con      un      effetto      inibitorio      sulla produzione   di   FSH,   per   cui   quanto   maggiori   sono i   livelli   di   estradiolo   e   di   inibina-b   tanto   più   la produzione di FSH viene inibita. Nelle     condizioni     di     ridotta     riserva     ovarica     il messaggio   globale   che   giunge   a   livello   dell’ipofisi è     tale     da     indurre     la     stessa     a     cercare     di compensare      in      qualche      modo      la      ridotta produzione      follicolare      con      un      incremento complessivo di livelli circolanti di FSH. Ai   fini   clinici   ciò   che   si   prende   in   considerazione sono   essenzialmente   i   livelli   basali   dell’ormone, ossia   quelli   dosabili   nei   primissimi   giorni   del   ciclo (in     genere     la     valutazione     viene     eseguita     al secondo, massimo terzo giorno del ciclo). Numerosi   studi   hanno   cercato   di   definire   i   valori soglia     per     l’interpretazione     di     tale     test.     Nel complesso      la      maggior      parte      degli      studi concordano   nell’indicare   10   IU/L   la   soglia   oltre la   quale   si   evidenzia   una   chiara   riduzione   della riserva    ovarica    anche    se,    secondo    alcuni,    già valori   al   di   sopra   di   8   IU/L   sono   indicativi   di   una ridotta fecondità (1). Una     delle     principali     limitazioni     nell’impiego routinario   del   dosaggio   di   FSH   basale   ai   fini   della valutazione   della   riserva   ovarica   è   però   costituita dalla   sua   estrema   variabilità      spesso   tra   un   ciclo e   l’altro   in   quanto   la   secrezione   di   tale   ormone   da parte   dell’ipofisi   può   essere   influenzata   da   vari aspetti.      Sulla      base      di      tali      considerazioni attualmente      tale      dosaggio,      seppur      sempre largamente     usato,     viene     quindi     sempre     più considerato     di     utilità     limitata     quale     test     di screening   per   la   valutazione   della   riserva   ovarica (2,    3,    4)    e    comunque    necessita    di    una    attenta interpretazione     clinica     in     relazione     anche     al contesto della situazione. Riferimenti bibliografici: 1)         Jan   W.   van   der   Steeg,   Pieternel   Steures,   Marinus   J.   C.   Eijkemans,   J.   Dik   F. Habbema,   Peter   G.   A.   Hompes,   Frank   J.   Broekmans,   Peter   X.   J.   M.   Bouckaert, Patrick   M.   M.   Bossuyt,   Fulco   van   der   Veen,   and   Ben   W.   J.   Mol,   on   behalf   of   the Collaborative   Effort   for   Clinical   Evaluation   in   Reproductive   Medicine   (CECERM) Study   Group*   Predictive   Value   and   Clinical   Impact   of   Basal   Follicle-Stimulating Hormone     in     Subfertile,     Ovulatory     Women     (J     Clin     Endocrinol     Metab     92: 2163–2168, 2007) 2)   Broekmans   FJ,   Kwee   J,   Hendriks   DJ,   Mol   BW,   Lambalk   CB.   A   systematic   review of    tests    predicting    ovarian    reserve    and    IVF    outcome.    Hum    Reprod    Update 2006;12:685-718. 3)   Bancsi   LF,   Broekmans   FJ,   Mol   BW,   Habbema   JD,   te   Velde   ER.   Performance   of basal   follicle-stimulating   hormone   in   the   prediction   of   poor   ovarian   response and   failure   to   become      pregnant   after   in   vitro   fertilization:   a   meta-analysis.   Fertil Steril 2003;79:1091-100. 4)   Jain   T,   Soules   MR,   Collins   JA.   Comparison   of   basal   follicle-stimulating   hormone versus   the   clomiphene   citrate   challenge   test   for   ovarian   reserve   screening.   Fertil Steril 2004;82:180-5

Il dosaggio dei livelli basali di FSH

Privacy Policy Cookie Policy