L’ormone   anti-mulleriano   (AMH)   è   prodotto   dalle   cellule   della   parete   dei   follicoli   primari   e   pre-antrali,   cioè   di   quei   follicoli   che costituiscono   la   vera   e   propria   riserva   ovarica.   La   sua   produzione   è   indipendente   dalla   stimolazione   ovarica   da   parte   di   altri   fattori (quali   ad   esempio   l’FSH)   per   cui   il   suo   livello   permane   relativamente   costante   sia   nelle   varie   fasi   di   un   singolo   ciclo   mestruale   che   tra un   ciclo   ed   un   altro.Il   fatto   che   tale   ormone   sia   prodotto   dai   follicoli   che   risiedono   ancora   in   fase   di   “quiescenza”   nel   contesto   delle ovaie   ci   fa   comprendere   come   i   suoi   livelli   circolanti   siano   direttamente   proporzionali   alla   riserva   ovarica.      Al   riguardo   alcuni   studi hanno   evidenziato   come   bassi   livelli   di   ormone   anti-mulleriano   siano   associati   ad   una   scarsa   risposta   alla   stimolazione   ovarica   in   cicli di fecondazione in vitro nonché all’ottenimento di embrioni di scarsa qualità e a bassi tassi di successo di tali tecniche (6,7). Nonostante   i   numerosi   studi   eseguiti   non   è però    stato    possibile    ad    oggi    stabilire    un chiaro    valore    di    riferimento    al    di    sotto    del quale    i    valori    di    ormone    anti-mulleriano siano   da   considerarsi   francamente   predittivi   una   scarsa   possibilità   di   gravidanza   anche   se l   a     maggioranza   degli   studi   indicano   un   valore soglia   attorno   a   1   ng/ml   al   di   sotto   del   quale l   a     prognosi      in      termini      di      risposta      alla stimolazione       ovarica       e       probabilità       di gravidanza appaiono notevolmente ridotti (8, 9). Uno   studio   condotto   da   Gnoth   e   coll.   nel   2008      (10)   riporta   come   valori   di   ormone   anti-   mulleriano   inferiori   a   0.5   ng/ml   siano   predittivi di   una   molto   scarsa   risposta   ovarica   nell’88%   dei   casi.Sulla   base   dei   dati   ad   oggi   presenti   in   letteratura   l’ormone   anti-mulleriano   appare ad   oggi   uno   dei   marker   di   maggior   rilievo   nella   valutazione   della   riserva   ovarica,   in   particolare   in   quei   soggetti   in   cui,   il   fattore   età,   la storia   clinica,   i   livelli   basali   di   FSH   inducano   a   sospettare   una   riduzione   della   riserva   ovarica   e/o   una   ridotta   probabilità   di   successo   in termini di gravidanza. Riferimenti bibliografici 6)   Muttukrishna   S,   McGarrigle   H,   Wakim   R,   Khadum   I,   Ranieri   DM,   Serhal   P.   Antral   follicle   count,   anti-mullerian   hormone   and   inhibin   B:   predictors   of   ovarian   response   in   assisted      reproductive technology? Bjog 2005;112:1384-90. 7)   Ebner   T,   Sommergruber   M,   Moser   M,   Shebl   O,   Schreier-Lechner   E,   Tews   G.   Basal   level   of   anti-Mullerian   hormone   is   associated   with   oocyte   quality   in   stimulated   cycles.   Hum   Reprod 2006;21:2022-6. 8)   Min   Hye   Choi,   Ji   Hee   Yoo,   Hye   Ok   Kim,   Sun   Hwa   Cha,   Chan   Woo   Park,   Kwang   Moon   Yang,   In   Ok   Song,   Mi   Kyoung   Koong,   Inn   Soo   Kang.      Serum   anti-Müllerian   hormone   levels   as   a   predictor of the ovarian response and IVF outcomes.  Clin Exp Reprod Med 2011;38(3):153-158 9) Blazar AS, Lambert-Messerlian G, Hackett R, et al. Use of in-cycle antimüllerian hormone levels to predict cycle outcome. Am J Obstet Gynecol, 2011;205:223. 10) Gnoth C, Shuring AN, Frid K, Tigger J. Relevance of AMH measurement in a routine IVF program. Hum Reprod, 2008;23:1359–65  

Il dosaggio dei livelli di Ormone Anti-Mulleriano (AMH)