Nel processo di sviluppo follicolare distinguiamo i seguenti stadi: 1)   Follicolo   primordiale:    è   il   follicolo   immaturo   che   si   trova   in   stato   di   quiescenza.   Rappresenta   lo   stadio   basale   in   cui   il   follicolo   si   trova   al momento della nascita. 2)   Follicolo   primario:    è   il   follicolo   che   ha   iniziato   a   svilupparsi   a   seguito   della   proliferazione   delle   cellule che ne costituiscono la parete. 3)   Follicolo   secondario:   è   un   ulteriore   stadio   di   sviluppo   dato   dalla   proliferazione   ulteriore   delle   cellule che costituiscono la parete follicolare; 4)   Follicolo   pre-antrale:    a   questo   punto   le   cellule   che   costituiscono   la   parete   del   follicolo   hanno   formato 6-10 strati e, tra esse, iniziano a formarsi delle cavità contenenti liquido. 5)    Follicolo    antrale:    le    cavità    si    sono    riunite    in    una    cavità    unica    (detta    appunto    antro    follicolare).    Il passaggio   da   follicolo   pre-antrale   a   follicolo   antrale   richiede   circa   2   mesi   di   tempo.   I   follicoli   antrali   sono quelli     che     effettivamente     risentono     della     stimolazione     da     parte     dell’FSH     prodotto     dall’ipofisi     (o somministrato   nei   cicli   di   induzione   dell’ovulazione).   Il   follicolo   antrale   è   visibile   all’ecografia   per   cui   la   conta dei   follicoli   antrali   è   data   appunto   dalla   somma   dei   follicoli   di   dimensioni   comprese   tra   2   e   10   mm   di   diametro    visibili   mediante   un   esame ecografico transvaginale condotto al 3°-5° giorno del ciclo. La   presenza   di   un   ridotto   numero   di   follicoli   antrali   (tra   3   e   10   in   totale   nelle   due   ovaie)   sarebbe,   secondo   alcuni   studi,   associata   ad   una   scarsa risposta   ovarica   alla   stimolazione   ed   ad   una   bassa   probabilità   di   gravidanza   (1).   Al   riguardo   uno   studio   di   Holte   e   coll.   (2)   ha   evidenziato   una correlazione   lineare   tra   il   numero   di   follicoli   antrali   e   le   percentuali   di   gravidanza   ottenute   in   pazienti   sottoposte   a   fecondazione   in   vitro   con percentuali   comprese   tra   0   e   15%   nelle   pazienti   con   una   conta   dei   follicoli   antrali   compresa   tra   0   e   5,   pari   al   16-25%   nelle   pazienti   con   conta   tra   6   e 11,   pari   al   26-35%   nelle   pazienti   con   conta   tra   12   e   23   e   maggiore   del   35%   nelle   pazienti   con   conta   dei   follicoli   antrali   superiore   a   23.   Sulla   base   di tali    risultati    gli    Autori    concludono    per    un    possibile    ruolo    della    conta    dei    follicoli    antrali    nell’indicare    non    solo    la    riserva    ovarica    in    termini quantitativi, ma anche in qualche modo un aspetto relativo alla qualità ovocitaria. Determinazione del volume ovarico Nonostante   alcuni   studi   indichino   un   ruolo   della   determinazione   del   volume   ovarico   complessivo   nel   predire   la   risposta   alla   stimolazione   ovarica   e le   probabilità   di   gravidanza,   nella   maggioranza   dei   casi   l’eccessiva   variabilità   dei   risultati   in   rapporto   ai   diversi   operatori,   nonché   la   scarsa   specificità rilevata nel complesso, sembrerebbero indicare uno scarso peso di tale marker nella valutazione della riserva ovarica. Riferimenti bibliografici 1)   Hendriks   DJ,   Mol   BW,   Bancsi   LF,   Te   Velde   ER,   Broekmans   FJ.   Antral   follicle   count   in   the   prediction   of   poor   ovarian   response   and   pregnancy   after   in   vitro   fertilization:   a   meta-analysis   and comparison with basal follicle-stimulating hormone level. Fertil Steril 2005;83:291-301. 54. 2)   Jan   holte,   Thomas   Brodin,   Lars   Berglund,   Nermin   Hadziosmanovic,   Matts   Olovsson,   Torbjorn   Bergh.   Antral   follicle   counts   are   strongly   associated   with   live-birth   rates   after   assisted reproduction, with superior treatment outcome in women with polycystic ovaries. Fertil Steril, 2011; 96: 594-9